Un asparago si sposa bene con tutto

La sabbia del mare è un morbido tappeto per i piedi che d’estate cercano il sollievo e la gioia delle vacanze. È un piacere che è facile concedersi, basta togliersi le scarpe e a piedi nudi camminare, magari all’alba quando ci sono poche persone e lasciare che la risacca accarezzi la pelle.

La sabbia è anche il regno dove io vivo. È l’ambiente che preferisco, soffice, caldo e con la pioggia che scivola via con facilità. Qui a Bibione c’è molta sabbia, non solo nella spiaggia assolata d’estate. La puoi trovare camminando verso il faro, lasciando le strade più battute, tra le pinete, nei campi.

Bibione non è solo quella striscia di terra che tocca il mare, dove sdraiarsi a prendere il sole, o lasciar giocare i bambini, è anche campagna, campi, case di contadini che con passione seminano e raccolgono, profumi e sapori.

Lì vivo io, tra stradine che le radici di vecchi pini sollevano e trasformano, tra il canto delle cicale in estate e quello dei grilli la notte, quando la primavera si fa più tiepida.

Ed è proprio quando il freddo lascia spazio ai primi tepori che io mi affaccio timido nella terra scaldata dal sole che si alza sempre di più nel cielo. Che bella stagione la primavera, la mia preferita! Tranquilla e serena, con poche persone, a parte chi ama il mare e ne sente il richiamo, venendo qui per una passeggiata fino al faro, ad ammirare i tramonti che si fanno sempre più lunghi, giorno dopo giorno.

Io mi sollevo come il sole, cerco i suoi raggi, per crescere sempre di più e diventare più buono. La brezza del mare vicinissimo, appena dietro quei pini, accarezza il mio fusto e dona un sapore particolare, che sa di salmastro e di tutte la magia che le acque salate portano con sé, onda dopo onda.

In estate non ci sono più, quindi se vuoi trovarmi e assaggiarmi, magari con un filo d’olio d’oliva, di quegli ulivi che crescono proprio vicino a me, vieni a Bibione in primavera, quando la città si sveglia dopo l’inverno, quando la spiaggia deserta inizia a colorarsi dei primi ombrelloni.

Cercami tra le piccole case vicino al faro, chiedi di me e del buon vino delle terre vicine, per accompagnarmi con più gentilezza. Un asparago si sposa bene con tutto. Quando sa di mare e di una promessa d’estate, è ancora più saporito.