Bibione e i suoi dintorni sono zone naturali ad elevata biodiversità: nella Vallesina, nella Valgrande e nella foce del Tagliamento convivono molte varietà di piante con caratteristiche ecologiche differenti. Le stagioni migliori per ammirare la pineta bibionese in tutto il suo splendore sono la primavera e l'autunno.

La vegetazione tra la flora alpina e  quella mediterranea

Tre aspetti accomunano le aree verdi, rendendole delle risorse naturalistiche uniche: la vicinanza di flora alpina e mediterranea, la presenza di Orchidee e la sopravvivenza di specie rare o tipiche solo di queste zone.
Quindi nei dintorni di Bibione vi capiterà di vedere il Pino Nero d’Austria che si è insediato in queste zone fin dalla preistoria. Si tratta di un grande albero riconoscibile per il colore verde cupo della densa chioma alternato al marrone delle lunghe pigne. 
Oppure potrete ammirare la Parnassia che si vede raramente in pianura ed è una pianta erbacea tipica delle paludi.

Quercia Bibione

Una passeggiata nella pineta tra querce, primule e gigli dorati

Sono davvero molte le piante che potreste riconoscere durante una passeggiata nella pineta: le querce, la primula, la genzianella, la felce palustre, il carpino nero, il giglio dorato, il sigillo di salomone comune, l’asparago pungente, il ruscolo pungitopo e il gladiolo reticolato.
Molte anche le specie di orchidee come l’ Orchidea minore, l’Orchidea screziata la Listera maggiore, la Cefalantera rossa, la Cefalantera maggiore e il Fior di Legna.

cormorano

La fauna della pineta e della foce

Addentrarsi nella pineta bibionese è un’emozionante esplorazione alla ricerca degli animali: infatti, potreste incontrare esemplari della testuggine di Herman, daini, cormorani e molti altri animali, che hanno scelto Bibione come habitat naturale.
Nelle acque della foce fanno volentieri tappa numerosi uccelli acquatici durante le migrazioni: in primavera e autunno il gabbiano comune e reale mediterraneo assieme alla rondine di mare si tuffano nel fiume alla ricerca di cibo, mentre il martin pescatore resta vicino alla sponda tra le acque poco profonde.
Se darete un’occhiata ai pali posti nel canale di foce, potreste anche vedere il cormorano che dispiega le ali, asciugandosi il piumaggio.

MartinPescartoreBibione

Nelle paludi e nei canneti si è instaurato un consolidato rapporto tra alcune specie e l’habitat della vegetazione palustre: la folaga, la tartaruga palustre, il falco di palude e l’arvicola d’acqua vivono in perfetta simbiosi con questo ambiente.
Negli stagni marini della Lama lagunare di Ravelino si alzano in volo il cavaliere d’Italia dal lungo becco, le garzette, alcune coppie di germano reale e gli aironi rosso, cenerino e bianco maggiore.
Nei terreni agricoli prossimi alla foce troviamo un’unica specie di pesci, la gambusia nordamericana e molti anfibi tra cui la rana verde e il rospo smeraldino.

garzetta

Alcune specie di uccelli svernano nella pineta e altre la scelgono per nidificare: la capinera, l’usignolo, il merlo, la cinciallegra, il picchio rosso maggiore, il cardellino, il pettirosso, lo scricciolo, lo sparviero, la beccaccia, il liù e l’upupa sono solo alcuni dei volatili che potreste vedere.
Tra i prati asciutti e soleggiati del sottobosco si aggirano il ramarro e la lucertola campestre, mentre nell’erba potreste veder saltellare la raganella italiana. Infine, oltre ai ricci, piccoli roditori e faine, sono stati avvistati esemplari di daino, mentre si ipotizza la presenza della puzzola e il probabile arrivo di caprioli.

 

Valgrande

  • Scopri i paesaggi inediti di Valgrande

    Escursioni all'aria aperta. Aprire naso e orecchie, aguzzare la vista. Questo è il modo migliore di approcciare Valgrande. Un po' perché questo luogo si presta ad essere assaporato piano, con calma e in silenzio. Un po’ perché la natura merita che gli sia data attenzione. Valgrande si percorre con mezzi slow: a piedi (con la camminata libera o...

    Leggi tutto...

  • Escursioni guidate in Valgrande e Laguna

    Metti una mattina d’agosto… di vedere uno stormo di aironi rosa librarsi nel cielo azzurro, mentre tutt’ intorno la natura rigogliosa profuma intensamente di menta di fosso e rucola selvatica. Bibione non finisce mai di stupire!

    Leggi tutto...

  • Un’esperienza naturalistica impareggiabile

    Il fiume più lungo del Friuli Venezia Giulia nasce nelle Alpi Carniche e arriva al mare proprio vicino alla località balneare. Qui il paesaggio è estremamente suggestivo ma è anche interessante per la mescolanza di fiori e di piante che spaziano da quelle tipicamente alpine alle mediterranee.

    Leggi tutto...

  • La Valgrande di Bibione è un luogo magico

    La località è una valle da pesca di enorme valore ambientale tanto da essere stata proclamata Area di tutela paesaggistica di interesse regionale. 360 ettari di canneti, specchi lacustri, boschi e bacini da visitare a cavallo, a piedi, in bicicletta per una giornata di vacanza da non dimenticare Un territorio da visitare in modalità slow Un...

    Leggi tutto...

  • Le storie della Valgrande

    Il cantastorie è una figura tradizionale della cultura popolare, che vaga di piazza in piazza raccontando storie, sia antiche leggende che nuovi avvenimenti. Accompagna le sue parole a degli strumenti, come la chitarra o la fisarmonica, anticamente anche la lira. Sono sempre esistiti, seppure si differenziassero nelle varie zone ed epoche: dai...

    Le storie della Valgrande, oasi naturalistica a Bibione Le storie...

www.veneto.eu www.comunesanmichele.it Bibione live Blue Flag EMAS Italia

Bibione Online

Bibioneonline S.r.l.
Corso del Sole n. 6/1
30020 Bibione (VE) Italia
C.F./P.IVA: 03342770272
Iscrizione REA 03342770272

Twitter Facebook Instagram Google Plus Youtube Pinterest

Youtube

Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per inviarti messaggi pubblicitari in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, clicca qui. Se prosegui nella navigazione in questo sito acconsenti all’uso dei cookie.